L’Italia che vorrei…
3 Marzo 2016
Contest di Marzo – Risultati
10 Marzo 2016
Mostra Tutto

CHIUSI SUL FERRO – Giovanni Marletta!

 

cooltext169724745248273

 

Cari amici di Metal Detector Club Italia,

è un piacere per me darvi il benvenuto nella nuova rubrica semiseria targata MdClub! CHIUSI SUL FERRO!

L’abbiamo anticipata un paio di settimane fa e finalmente oggi partiamo con questo primo articolo. Come vi dicemmo questa rubrica è tutta dedicata a voi, infatti, ogni mese la rubrica ci farà conoscere un membro diverso che grazie al suo affetto e alla sua partecipazione attiva al Club diventa vero e proprio punto di riferimento per noi amministratori ma anche per voi che ogni giorno ci date il piacere di vedere le vostre foto con i vostri ritrovamenti e che avete bisogno di informazioni o chiarimenti.

Abbiamo deciso di dedicare a voi questa rubrica, così come altre iniziative del nostro Club, perchè nonostante l’impegno che possiamo mettere noi amministratori nel gestire il gruppo siete voi la vera anima del nostro Club e quindi è doveroso darvi sempre il massimo!

Oggi la nostra breve ma intensa intervista sarà dedicata ad uno dei membri più partecipativi, un vero e proprio pilastro del nostro gruppo che grazie alla sua profonda e precisa conoscenza è per tutti noi il punto di riferimento principale quando vogliamo conoscere o approfondire la nostra conoscenza e curiosità sulla numismatica.

Conosciamo meglio quindi: Giovanni Marletta.

10387320_10203294711590874_92112754538381450_n

A lui abbiamo dato carta bianca, ho preparato ed inviato una serie di domande da seguire a mò di schema affinchè possa parlarci di sé, di come è nata la sua passione per la storia e la numismatica e sull’attuale passione per il Metal Detecting. Lascio a lui la parola!

“Nasco in casa in fretta e furia alla fine del settimo decennio del XX sec. e cresco con la curiosità di scoprire e conoscere tutto quello che mi circonda compreso il territorio. Finita la scuola media mi inserisco nel mondo del lavoro con trasporti di tutti i tipi per tutta la Sicilia. La percorro in lungo e in largo attraverso paesi e paesaggi incantevoli e me ne innamoro.

Comincio a comprare libri di storia, archeologia e di numismatica prettamente siciliani, perché la moneta è quel reperto che mi incuriosisce più di tutte le testimonianze lasciate dal passato.

Ho collezionato l’Euro fin dalla sua prima uscita, di tutte le nazionalità europee e non essendo facile reperirle mi sono aiutato con il web. Nel web si sa si incontrano banner pubblicitari di tutti i tipi e fra tutti anche quelli dedicati al Metal Detecting. Gli occhi mi brillano e comincia un nuovo flirt, la passione per questo hobby. Mi informo circa il suo uso in Italia e finalmente compro il mio primo Metal Detector: il Mito 2 power ws. Comincio le mie prime passeggiate in spiaggia e per mancanza di esperienza non riesco ha trovare feeling con questo strumento finchè lo cambio e prendo un cugino il Maxxi gold Power, che si rileva un po’ più efficace del primo ma non eccessivamente. Dopo qualche anno decido di cambiare metal, e prendo un Makro Racer, compagno di avventure a tutt’oggi.

Dedico molto più tempo però alla lettura della numismatica e allo studio delle patrie memorie del mio paesino sugli Iblei.

Oggi sono iscritto su vari gruppi di Metal Detecting, ma l’ultimo arrivato su facebook, Metal Detector Club Italia, è il miglior gruppo per potersi informare sulle leggi e su come praticare al meglio quest’hobby senza incorrere in fastidiosi reati.

Grazie alle iniziative degli amministratori che rendono vivo e attivo il primo gruppo di md legalmente costituito in Italia!”

E’ stato bello poter leggere la storia di Giovanni, personalmente non posso fare altro che ringraziarlo per aver espresso parole d’affetto per MdClub. Giovanni è stato tra i primi ad entrare sul nostro neonato gruppo circa 6 mesi fa e da allora è stato sempre uno dei massimi punti di riferimento per il nostro gruppo e sicuramente il primo che contattiamo per sapere notizie sui nostri ritrovamenti. Fu lui ad identificare la Litra trovata in provincia di Palermo che poi consegnammo alle autorità e sempre lui a mostrarsi entusiasta quando sentì che stavamo consegnando la Litra alle autorità. Da sempre ha mostrato che la sua passione per la numismatica è motivata dal rispetto per la storia e non dal mero egoismo.

Vogliamo ringraziarlo e speriamo di averlo tra noi sempre!12651230_10205875038217427_320675651878960903_n

A destra possiamo vedere Giovanni in una foto di repertorio quando ancora aveva in tutto il suo splendore la sua chioma di capelli riccioli color oro…

 

 

 

Francesco Manzella – MdClubItalia

 

TRANSLATE